Ambiente cucina, come è cambiato dopo l’emergenza sanitaria

I lunghi mesi di lockdown e poi di limitazioni ci hanno fatto cambiare profondamente abitudini. Su tutti i fronti: degli acquisti al divertimento, dalle vacanze all’alimentazione, il Covid-19 ha veramente rivoluzionato mode e modi che ci sembravano scontati. E anche la nostra casa ha subito necessariamente questo terremoto. A maggior ragione se si considera che le abitazioni si sono dovute trasformare rapidamente anche in uffici, scuole, palestre, ristoranti… Comunque sia, la pandemia ha fatto mutare la fisionomia della casa. Dalla cucina alla zona studio, sempre più desiderata dagli italiani, anche le scelte progettuali e di arredamenti riflettono il nostro nuovo stile di vita. Senza però dimenticare il comfort e il calore casalingo, che spiega il successo di divani avvolgenti e super comodi.

Coccole ed efficienza

Alcuni di questi cambiamenti sono stati illustrati all’Ansa da Silvia Mugnano, sociologa dell’abitare della Bicocca di Milano, che durante il lockdown ha realizzato on line la ricerca #comerestoacasa. L’esperta ha messo in evidenza come, in questa nuova normalità, la cucina sia sempre più un ‘third place’, un luogo ibrido, e che anche se il 75% del campione non si è sentito stretto in casa, in  moltissimi hanno rimodulato gli spazi, ad esempio acquistando scrivanie e mobili per ricavare un piccolo studio casalingo. Insomma, la cucina è diventata il fulcro della casa – anche perchè moltissimi di noi hanno riscoperto il piacere dei fornelli, e questo spiega pure il boom di vendite di elettrodomestici e robot per la preparazione dei cibi. Due sono le tendenze principali nel “nuovo” ambiente cucina: come dice l’architetta e designer d’interni Francesca Venturoni, “Le cucine non devono sembrare cucine”, bensì devono assomigliare a un complemento di arredo come un altro. Abolite perciò le cappe e tradizionali pensili a favore di mobili meglio se sollevati da piedini, così da sembrare delle consolle, e sì anche ai sistemi a scomparsa, che attraverso delle ante permettono di chiudere lo spazio cucina, come se fosse un armadio, facendolo diventare parte del soggiorno. D’altro canto, si fa strada anche un altro trend in decisa controtendenza: la cucina è la protagonista assoluta dello spazio, con colori accesi, conviviali, pensili a giorno, ritorno dell’isola con tavoli lunghi di legno collegati direttamente al piano di lavoro, con attrezzature semi professionali in modo tale da poter lavorare e cucinare.

Sì al cibo sano

I cambiamenti riguardano anche il nostro approccio alla nutrizione e al fare la spesa. Lo spiega ancora Silvia Mugnano: “Siamo diventati consapevoli della centralità della nutrizione per motivi di salute  e vogliamo mangiare bene anche fuori casa, ecco così che il rapporto cibo/lavoro sta cambiando moltissimo: avere con noi borraccia e bento box ossia le confezioni ermetiche con dentro i nostri pranzi è entrata nella nuova normalità, inoltre siamo più consapevoli degli sprechi alimentari e dunque cuciniamo in casa e sprechiamo di meno. Il prossimo passo è riconquistare con tutto questo l’outdoor: avere spazi attrezzati alla convivialità in cui mangiare insieme ciascuno i propri piatti casalinghi, posso essere piazze e giardini urbani ma anche cortili degli uffici”.

Pmi italiane, il 60% non ha paura di innovare

Anche i piccoli sanno innovare. La riprova è che il 60% delle Pmi italiane è molto attenta ai temi legati all’innovazione, tema che sta conquistando sempre più spazio nelle aziende, anche nelle piccole imprese fino a 5 dipendenti. Secondo l’analisi di Aruba-Idc, il 60,5% delle piccole e medie imprese da 1 a 5 dipendenti si dichiara sensibile in merito all’innovazione. L’indagine mostra che ciò si nota in particolare nelle Pmi più strutturate, che hanno da 6 a 20 dipendenti e che nel 71,6% dei casi si sono dette “molto attente” su questo tema. Questa ricerca mostra lo sviluppo delle Pmi e la crescita della digitalizzazione soprattutto grazie alla Pec, la Posta Elettronica Certificata. 

Capacità di adattarsi ai cambiamenti digitali

Ma l’analisi evidenzia molti altri aspetti positivi: il 60% delle aziende intervistate dichiara di sapersi adattare rapidamente al nuovo stile di lavoro digitale, il 75% delle imprese si concentra sulla ricerca di nuove soluzioni per migliorare il proprio lavoro quotidiano. In particolare la ricerca di Aruba e Idc, che ha coinvolto un campione di 300 piccole e medie imprese nei diversi comparti,  han voluto approfondire il “livello di digitalizzazione raggiunto dalle piccole e medie imprese italiane e comprendere come uno tra gli strumenti cardine della digital transformation, ossia la Pec, le stia supportando in questo percorso”. 

Le Pmi italiane sono 200.000 

Le piccole e medie aziende italiane, che costituiscono la base dell’economia nazionale, a oggi sono ben 200.000, come certificano gli ultimi dati Istat. Si tratta di un dato, questo, che “dimostra come davvero queste realtà rappresentino il tessuto imprenditoriale nazionale” osservano gli analisti di Aruba e Idc. Eppure “si tende ancora a ritenere che in una piccola azienda la digitalizzazione arranchi rispetto alle realtà di fascia enterprise” ma i dati raccolti mostrano che non è così. “Il cambiamento non fa più paura come prima: quasi l’85% del mercato preso in esame nella survey esprime una sostanziale apertura rispetto al tema dell’innovazione” commenta Gabriele Sposato, Direttore Marketing di Aruba. “La repentina necessità di digitalizzazione dovuta all’emergenza sanitaria ha fatto crescere tra le Pmi la consapevolezza legata all’importanza di strumenti innovativi per affrontare il proprio lavoro ed è solo il 15% ad esprimere qualche riserva al cambiamento, ancora prima cha all’innovazione”. La maggior parte delle imprese intervistate è molto sensibile all’importanza dell’innovazione nella vita aziendale. Ciò è dovuto principalmente ai Trust Services, tra cui Pec, firme digitali e fatture elettroniche, che si sono rivelate fondamentali durante la pandemia facilitando operazioni e comunicazioni altrimenti difficili se non impossibili.

Il turismo riparte: si cercano professionisti del settore

Tra i settori più colpiti dall’onda lunga del Covid-19 c’è sicuramente il turismo. Lockdown e restrizioni, controlli e limitazioni hanno infatti messo a dura prova il comparto delle vacanze, dell’intrattenimento e della ristorazione. Ora, però, sembra che le cose stiano cambiando in positivo: dopo un’estate “salva” grazie alla voglia di viaggiare degli italiani, che sono appunto rimasti in Italia, pare che ci siano segnali confortanti anche per quanto riguarda l’occupazione. Ad affermarlo con sicurezza è il sito per la ricerca di lavoro Indeed, che rivela come gli annunci di lavoro e le ricerche contenenti keyword come ‘turismo’ e ‘ospitalità’ abbiano recuperato e superato i livelli del 2020, anno in cui gli annunci nel settore turistico sul portale sono diminuiti del 40%. Nel 2021 si è verificato un rimbalzo, con un aumento del 70% rispetto allo stesso periodo del 2020. In crescita anche i click degli utenti sui lavori legati al turismo, in aumento del 96% rispetto allo scorso anno. 

Un’industria fondamentale per l’Italia

Per il nostro Paese, quella del turismo è un’industria prioritaria, che vale diversi punti del Pil. “Il turismo e l’ospitalità sono la spina dorsale di molte regioni d’Italia e sono vitali per i lavoratori stagionali” ha dichiarato Dario D’odorico, responsabile di Indeed per il mercato Italia . “Il turismo conta per 1 posto di lavoro su 10 in tutto il mondo. Data la sua natura di settore ‘labour-intensive’, il turismo gioca un ruolo importante per l’occupazione, anche in virtù dell’’effetto moltiplicatore’ che determina nello sviluppo di posti di lavoro nelle regioni rurali e non solo. Tale effetto si verifica anche nelle città più grandi, come Roma e Venezia, in settori come l’arte e la cultura, che sovente dipendono dall’arrivo di turisti internazionali”. 

Già carenza di forza lavoro?

“Notiamo, inoltre, che, mentre il mondo inizia a ripartire, il settore non sembra essere immune alla carenza di forza lavoro a cui si inizia ad assistere. Ciò significa che i datori di lavoro in questi settori dovranno diventare più competitivi per attrarre talenti. Sarà fondamentale, quindi, migliorare il proprio employer branding” aggiunge ancora D’odorico. “Attrarre talenti va oltre lo stipendio: flessibilità e benessere sono diventanti fattori chiave nella selezione”. In generale, però, l’andamento del mercato del lavoro è positivo nel nostro Paese: come precisano dal portale, le offerte di lavoro in Italia continuano in generale a crescere e sono in aumento del 34% rispetto ai livelli pre-pandemia. Risultati migliori rispetto ad altri paesi europei come la Spagna (-2,4%), il Regno Unito (+28%) e la Francia (+17%).

L’Italia che invecchia: i profili di Perennials, Silver Lines e Gloomers

Ci sono italiani che invecchiano benissimo, altri così così e altri ancora per cui l’avanzare dell’età è un vero problema. Ma da cosa dipende l’attitudine al “buon invecchiamento”? Dipende a quale categoria si appartiene: Perennials, Silver Lines o Gloomers. A individuare e tracciare i tre identikit è stata una una ricerca realizzata da Doxa Pharma per Nutricia FortiFit attraverso interviste online a 500 italiani con più di 60 anni per monitorare il loro stato di salute e la percezione del proprio benessere psicofisico.

Chi sono i Perennials 

In base ai risultati dello studio, i Perennials – che rappresentano il 40% del campione – hanno in media  70 anni, sono in leggera prevalenza uomini (54% e 46% donne) e la loro parola chiave è vitalità. Hanno un atteggiamento fortemente proattivo nei confronti della vita, amano andare alla ricerca di nuove esperienze e si sentono pieni di energia. Il 69% di loro usa i mezzi digitali per esplorare nuovi luoghi e conoscenze, il 63% è attento a quello che mangia e il 40% si interessa alla propria forma fisica e fa sport regolarmente. Addirittura, non si sentono meno in forma rispetto a 5 anni fa e la loro età matura fa sì che possano fare quello che non hanno potute vivere prima.

I Silver Lines…

Un altro 40% del campione intervistato appartiene alla categoria Silver Lines: hanno in media 70 anni, sono maggiormente uomini (55% e 45% donne) e hanno fatto loro la parola d’ordine”resilienza”. Si mantengono dinamici soprattutto curando i rapporti sociali e il benessere personale, attraverso l’attività fisica e l’alimentazione. Il 68% di loro usa i mezzi digitali per rimanere in contatto con familiari e amici, il 62% sa che è importante tenersi in movimento e cerca di farlo adattando le attività alla propria età e il 33% rappresenta un punto di riferimento per la propria famiglia e si occupa regolarmente dei nipoti. Però il loro sguardo sul futuro è meno limpido rispetto a quello dei Perennials: ci sono sia momenti di positività sia di preoccupazioni.

… e i Gloomers

L’ultimo 20% del campione rientra nella categoria Gloomers, un po’ più grandi dei precedenti – hanno in media 75 anni – e soprattuto donne (68% e 32% uomini).  Meno positivi rispetto ai precedenti, i Gloomers vivono la loro età con maggiore stanchezza e disimpegno. Anche sul fronte tecnologico sono più distaccati: il 30% possiede il cellulare, ma lo utilizza soprattuto per le telefonate. La loro visione del futuro ha una connotazione in prevalenza negativa.

Space Economy, potenziale di business e innovazione

La Space Economy non è più solo la frontiera dell’innovazione tecnologica, ma anche di business per tutte le imprese che fanno parte della tradizionale industria spaziale, dai fornitori di servizi digitali alle aziende End User interessate alle applicazioni finali. Il potenziale della Space Economy però è ancora tutto da cogliere. Secondo i risultati della ricerca dell’Osservatorio Space Economy della School of Management del Politecnico di Milano, a livello globale gli investimenti governativi nella space economy sono pari a circa 90 miliardi di dollari, di cui poco meno della metà negli Stati Uniti. In Italia gli investimenti sono decisamente inferiori (1,13 miliardi nel 2018), ma lo spazio è al centro della strategia del Paese.

Italia seconda in Europa

L’Italia è uno dei sette Paesi a essersi dotato di un’agenzia spaziale con un bilancio superiore al miliardo. È quinta al mondo e seconda in Europa per spesa in rapporto al PIL (0,55%), ed è  il terzo contribuente dell’Agenzia Spaziale Europea con 665,8 milioni di euro nel 2020, dietro a Germania e Francia. Per spingerne ulteriormente lo sviluppo il governo ha varato il Piano Strategico Nazionale Space Economy, del valore di 4,7 miliardi di euro.

La filiera dello spazio

I player che compongono l’ecosistema della Space Economy operano principalmente in quattro ambiti, Earth Observation, Satellite Navigation, Satellite Communication, e Accesso allo Spazio, ovvero l’insieme delle attività per l’esplorazione spaziale. La Space Economy è in grado di abilitare nuove applicazioni e servizi innovativi sia fra gli operatori della tradizionale industria spaziale sia fra i fornitori di servizi digitali basati su tecnologie spaziali. In Europa circa un centinaio di aziende si occupa di data processing e sfruttamento dei dati satellitari, concentrate prevalentemente in Regno Unito e Francia. I settori più coinvolti da queste attività sono produzione e distribuzione di energia, agricoltura, trasporti terrestri e marittimi, protezione ambientale. 

Il futuro della Space Economy

Fra i principali trend della Space Economy del futuro il primo è il progressivo abbassamento dei costi per le aziende spaziali, dovuto all’allungamento della vita utile degli asset spaziali e una loro maggiore interconnessione per migliorarne le performance. Il secondo è la sostenibilità: le tecnologie spaziali possono contribuire agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030, ad esempio aiutando a sviluppare l’internet satellitare.

Connettività, disponibilità di dati e digitalizzazione sono un altro elemento fondamentale per spingere la crescita della Space Economy.

Cogliere le opportunità offerte da questi trend sarà possibile solo con una regolamentazione favorevole all’innovazione, che consenta alla filiera nazionale di operare in condizioni di vantaggio competitivo e di attrarre capitali.

Laser industriali: migliore produttività e costi contenuti

Una delle sfide che oggi interessa maggiormente l’intero settore industriale e quello della produzione in genere, è il riuscire ad aumentare il livello di produttività per rispondere in maniera soddisfacente alle richieste di mercato ma soprattutto alle richieste da parte dei clienti, che sono sempre più esigenti dal punto di vista dell’evasione degli ordini e dunque dei tempi di consegna.

Maggiore precisione di taglio e affidabilità

Questo è il motivo per il quale realtà produttive di ogni settore trovano nei laser industriali l’alleato perfetto in grado di consentire loro di riuscire a produrre più pezzi in un arco di tempo ristretto, aumentando al tempo stesso la qualità della produzione. Il laser infatti è gestito autonomamente da un robot, ed è in grado di garantire una precisione di taglio che non teme paragoni sia per quel che riguarda la cura dei più piccoli particolari che per la curvatura e tutte le altre difficoltà di taglio, saldatura o marcatura che di norma interessano il taglio laser quando questo è gestito da un operatore umano.

Vi è inoltre da considerare che c’è un interessante ritorno a livello economico in quanto chiaramente è necessaria meno manodopera e soprattutto un numero di ore lavorative inferiore per produrre lo stesso numero di pezzi. Dunque i vantaggi nell’operare con i laser industriali sono notevoli e per questo vi fanno ricorso realtà aziendali di ogni settore: dall’ambito medico-estetico a quello militare, dal settore aerospaziale a quello dell’industria automobilistica, giusto per citare alcuni esempi.

I laser industriali di Optoprim

Sul sito di Optoprim è possibile visionare un’ampia panoramica di laser industriali così da farsi un’idea su quelli che possono essere i laser maggiormente adatti alla tipologia di utilizzo che se ne intende fare. Ad ogni modo è possibile richiedere una consulenza specifica e lasciarsi così aiutare dallo staff, il quale sarà certamente in grado di individuare la soluzione che maggiormente è in grado di soddisfare le necessità specifiche.

Effetto Covid sul lavoro, tiene l’industria, non il commercio e i servizi

Tra giugno 2019 e giugno 2020 è l’industria il settore che ha retto meglio l’impatto della pandemia da Covid-19, con un calo di soli 10mila occupati. In affanno, invece, il commercio all’ingrosso e al dettaglio e i servizi alle imprese, legati soprattutto alla chiusura di molte attività durante il lockdown e al ricorso allo smart working. Alla luce degli ultimi dati Istat sulle Forze Lavoro relativi al secondo semestre 2020, la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha tracciato un focus intitolato Gli effetti della crisi sull’occupazione: un primo bilancio settoriale. Dal focus emerge come l’effetto della pandemia sull’occupazione sia fortemente differenziato a livello settoriale, esponendo alcune attività produttive a una crisi senza precedenti e altre a cercare di resistere, aiutate anche dal blocco dei licenziamenti, che già a fine anno potrebbe portare a un saldo occupazionale ben diverso da quello di giugno.

Il crollo di 841mila occupati è tutto a carico dei servizi

Nell’arco di un anno (giugno 2019/giugno 2020) il mercato del lavoro italiano ha registrato un crollo di 841mila occupati (-3,6%), almeno per il momento, tutto a carico dei servizi. Questa macro-area dell’economia nazionale ha contribuito alla quasi totalità delle fuoriuscite dal mercato del lavoro nell’ultimo anno (96,3% del totale). La crisi maggiore, dopo i servizi ricettivi (-28,3%), colpisce le attività di ricerca, selezione e fornitura di personale (-18,6%), quelle domestiche (-16,7%), amministrative e di supporto alle imprese (-15,7%), noleggio e leasing (-15,2%), produzione cinematografica (-14,9%,; ristorazione (-13%). Seguono le attività immobiliari, i servizi per edifici e paesaggio, pubblicità e ricerche di mercato, le telecomunicazioni, commercio al dettaglio e le attività legate all’industria dell’intrattenimento, con perdite occupazionali che oscillano tra il 5% e 10%.

Alcuni settori hanno registrato un saldo occupazionale positivo

Se la maggior parte delle realtà economiche si trova in condizioni di grande criticità o forte incertezza, ci sono settori che, in controtendenza con l’andamento generale, lo scorso mese di giugno hanno registrato un saldo occupazionale positivo rispetto allo stesso periodo del 2019. Un esempio è il comparto costruzioni, cresciuto di 20mila occupati (+1,5%), soprattutto per il completamento di alcune opere o la ristrutturazione di alcune attività alla ripresa. Seguono i servizi legati alla fornitura di energia elettrica, che hanno segnato un balzo in avanti del 12,2%, i servizi di informazione (9,8%) e la ricerca scientifica (8,2%).

Cresce la filiera legata alle tecnologie e al digitale

Cresce anche la filiera legata alle tecnologie e al digitale, come riparazione di computer per casa e uso personale (+8,2%) e la fabbricazione di pc e prodotti dell’elettronica (8,2%), e la programmazione e consulenza informativa (+3,9%).

Si tratta di settori che hanno beneficiato dell’ampio ricorso alle tecnologie durante il lockdown. Anche i servizi personali, come parrucchieri, estetisti, lavanderie, hanno registrato un piccolo balzo in avanti (+2,2%), così come la produzione di prodotti farmaceutici (+7,1%). 

Dopo il lockdown è boom di runners

Dopo la pandemia i runners stanno vivendo un momento d’oro. Da segnalati e insultati durante il lockdown, adesso sono sempre più imitati e, tra adulti, ragazzi, ma perfino anziani e bambini, ora tutti calzano le scarpe da corsa, magari per la prima volta. Un report condotto nel mese di aprile da Ascis su 14.000 runners di 12 Paesi attesta che oltre un terzo di loro è più attivo di quanto non lo fosse prima dell’inizio della pandemia. E i dati delle app di monitoraggio del fitness mostrano che i corridori stanno facendo progressi, allenandosi di più e facendo più record. Tanto che ad aprile l’app Runkeeper ha registrato un aumento del 252% delle iscrizioni e un incremento del 44% degli utenti attivi mensili rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Stesso trend per i runners principianti, cresciuti del 47,3% rispetto allo scorso anno.

La corsa dei vip è sui social

Inoltre, da Instagram a twitter, da whatsapp a tik-tok foto e video di runners accumulano like e commenti. Con quasi 900k follower @runnersworldmag è la bibbia per chi corre, e si moltiplicano i Vip con le scarpe ai piedi, dalla cantante Alicia Keys all’attrice Katie Holmes e la ex baywatch Pamela Anderson, riporta Ansa.

“I dati sul traffico hanno mostrato un incremento attorno del 30% già nei mesi del lockdown e, al termine, il post su come iniziare a correre ha avuto un incremento significativo di letture – spiega Martino Pietropoli, cofondatore di @runlovers, community specializzata per gli amanti della corsa -. Questo significa che l’interesse è decisamente in aumento anche in Italia”.

Le maratone diventano virtuali

Di pari passo però si registra una ‘crisi da astinenza’ da gare: ancora niente maratone, mezze maratone né raduni perché le regole del distanziamento sociale ci sono ancora. Perciò anche gli eventi hanno traslocato sui social. Staffette, maratone e raccolta fondi si moltiplicano sulle community specializzate.: “Abbiamo lanciato da poche settimane la Virtual Race#IOCORROQUI che è iniziata il 25 luglio e proseguirà per l’estate – precisa Pietropoli -. Si può partecipare correndo per strada, in spiaggia o sul tapis roulant, in staffetta o da soli”. D’altronde hanno traslocato su tapis roulant anche le maratone di Berlino e di Boston, e si attendono e linee guida per quella di New York, anch’essa in edizione virtuale.

Aumentano anche gli acciacchi dovuti alla corsa “fai da te”

A fronte del boom di runners gli ortopedici americani stilano nuove raccomandazioni per allenamenti prudenti, perché le lesioni dovuti alla corsa colpiscono dal 25 al 36 % dei runners, e sono in aumento. Gli ortopedici ricordano poi che non esiste un’età migliore per iniziare a correre, mentre può essere controindicato in presenza di alcune patologie e durante la gravidanza.

Perciò va bene la corsa fai da te, ma prima un controllo sul proprio stato di salute è necessario.